Si può andare dal dentista in gravidanza? È una domanda molto comune tra le donne incinta, in questo articolo cercheremo di risolvere tutti i quesiti più comuni.

In che periodo della gravidanza si può andare dal dentista?

Il principale dubbio di ogni donna rimasta incinta o dei suoi parenti stretti è: quando si può andare dal dentista e quando è consigliabile non farlo? La prima cosa da sapere è in quale fase del periodo di gravidanza ci troviamo. A seconda dello stato di gestazione del bambino, ci saranno più o meno rischi:

Primo trimestre di gravidanza

Questo è senza dubbio il momento più delicato della gravidanza, poiché il feto sta sviluppando i suoi organi. La nostra raccomandazione è di evitare le visite dal dentista durante questo periodo, a meno che non si verifichi un’emergenza dentale che non può aspettare.

In questa fase della gestazione l’uso di farmaci e anestesie è controindicato e i raggi X sono totalmente proibiti, in quanto potrebbero danneggiare lo sviluppo del bambino.

Secondo trimestre di gravidanza

Durante il secondo trimestre il feto non è più in pericolo ed è il momento ideale per risolvere eventuali problemi dentali.

Poiché questa è la fase più stabile della vita della futura madre, si raccomanda di far controllare i denti per evitare problemi in seguito.

Durante questo periodo, se sono necessarie radiografie, il feto sarà protetto dal grembiule di piombo per mantenerlo sicuro al 100%. Se sono necessari dei farmaci, il dentista concorderà con il ginecologo quale sia il trattamento più appropriato per la madre.

Terzo trimestre di gravidanza

Durante il terzo trimestre non si scoraggia la visita dal dentista, ma è vero che, a causa delle dimensioni della pancia e delle condizioni della futura madre, in molti casi si evita il dentista in gravidanza a meno che non sia indispensabile.

Salute orale nelle donne in gravidanza

Forse avete sentito la frase “ogni bambino vi toglie un dente”, attribuendo al feto l’assorbimento di calcio dai denti, questo è del tutto falso.

La realtà è che avere un sistema immunitario più debole insieme ad una serie di sintomi tipici della gravidanza provoca una maggiore propensione ai problemi paradontali.

Quali farmaci posso prendere durante la gravidanza?

Una delle maggiori preoccupazioni delle donne in gravidanza è l’assunzione di qualche tipo di farmaco che può influenzare il feto. La cosa migliore è concordare con il proprio ostetrico e il dentista la terapia. Tuttavia, l’unico momento in cui i farmaci non sono assolutamente consigliati è nel primo trimestre, come abbiamo detto prima.

Per alleviare il dolore, si dovrebbe prendere solo paracetamolo. Gli antidolorifici comuni come l’aspirina o gli antinfiammatori come l’ibuprofene non sono raccomandati durante la gravidanza. Se è necessario un antidolorifico più potente con componenti come la codeina, è meglio sentire prima il proprio medico.

Per le infezioni, gli antibiotici più comuni come le penicilline e le cefalosporine vengono utilizzati in modo sicuro senza rappresentare un rischio per la madre.

L’anestesia dentale può essere utilizzata in gravidanza?

Come abbiamo capito in tutto questo articolo, tranne che nel primo trimestre di gravidanza, l’uso dell’anestesia non è dannoso per il vostro bambino.

L’anestesia dentale più comune è la lidocaina, che non è tossica per il feto anche se attraversa la placenta. Le dosi saranno sempre il minimo per calmare il dolore e colpire il paziente il meno possibile. La sua combinazione con l’epinefrina può rendere nervosa la madre, quindi meglio evitarla.

Non è consigliabile trattare le donne incinte senza anestesia dentale, poiché il dolore provoca uno stato di stress che può avere un’influenza negativa sul bambino, quindi dobbiamo affidarci all’esperienza del medico specialista.

I raggi X sono sicuri durante la gravidanza?

Come abbiamo detto, durante il primo trimestre non verranno prese piastre dentali o radiografie, in quanto possono influenzare lo sviluppo del bambino.

Tuttavia, dopo la prima fase della gravidanza, non c’è pericolo di effettuare radiografie dentali con l’uso del grembiule di piombo che protegge la pancia e il torace della madre.

Inoltre, la dose di radiazioni in questi casi è molto bassa, quindi il suo utilizzo è totalmente sicuro.

I problemi dentali più comuni in gravidanza

Abbiamo già visto che il processo della gravidanza spesso produce cambiamenti nelle donne che possono causare problemi orali comuni che dovrebbero essere trattati il più possibile.

I principali fattori che sensibilizzano la bocca sono

  • Ammorbidimento delle gengive
  • Variazione del pH della saliva
  • Aumento dell’alimentazione principalmente con carboidrati
  • Aumento dell’acido gastrico causato da vomito e nausea
  • Reflusso esofageo
  • Difese ridotte

Per tutti questi motivi è importante prendersi cura della propria salute orale per prevenire possibili disagi o infezioni. Nella maggior parte dei casi, i problemi più comuni possono essere risolti nel secondo e terzo trimestre di gravidanza

Dentista in gravidanza

Gengivite

Causata da cambiamenti ormonali, la gengivite in gravidanza è abbastanza comune, è fondamentalmente un’infiammazione delle gengive. Durante la pulizia dei denti con lo spazzolino può verificarsi una lieve emorragia. È importante combatterlo con dentifrici specifici e con la pulizia della bocca in modo che non causi complicazioni.

Carie

L’aumento dei carboidrati in gravidanza e gli acidi causati dalla nausea possono corrodere lo smalto dei denti rendendo più facile la comparsa di carie. Ecco perché lavarsi i denti regolarmente è molto importante per prevenire la comparsa di cavità.

Mal di denti

Il mal di denti è frequente sia per l’infiammazione delle gengive, che per l’ipersensibilità o per altre cause. Un analgesico raccomandato dal dentista allevierà rapidamente il dolore.