In questo articolo ti illustrerò cos’è la ludopatia, cosa la scatena e ti darò una serie di consigli concreti per aiutare una persona affetta da ludopatia che vede il gioco d’azzardo come unica finalità della sua vita e che, in maniera compulsiva, non riesce ad abbandonare l’idea di poter risolvere i problemi della sua vita con scommesse o altri tipi di giochi.

La ludopatia fa parte delle dipendenze comportamentali: i soggetti che lo presentano sentono un bisogno irrazionale di essere coinvolti nelle scommesse e nel gioco d’azzardo. È importante fornire supporto a queste persone, al di là delle sessioni di psicoterapia, con l’intenzione di poter riprendere il controllo delle loro azioni.

Bisogna tenere conto che nella maggior parte dei casi i sintomi delle dipendenze non scompaiono completamente, ma possono essere controllati in modo che coloro che li presentano abbiano una buona qualità di vita.

Cos’è la ludopatia?

Cos'è la Ludopatia

Per capire come aiutare una persona affetta da gioco d’azzardo patologico, è necessario sapere in cosa consiste questa alterazione psicologica. È una dipendenza comportamentale in cui la persona perde il controllo delle sue azioni e ha un bisogno irrefrenabile di partecipare a qualsiasi tipo di gioco d’azzardo o di piazzare scommesse.

In questi casi non si tratta di un comportamento motivato dal consumo di qualsiasi sostanza che crea dipendenza; quello che succede è che il sistema di ricompensa naturale del soggetto è alterato in modo tale che quando partecipa a qualsiasi attività ludica casuale, sente una gratificazione irrazionale che lo porta a voler vivere quell’esperienza più volte.

Prendere parte al gioco e anticipare questa sensazione crea un bisogno così potente che un sacco di tempo e risorse vengono investiti per soddisfarlo. Il piacere aumenta quando il ludopata vince qualcosa nel gioco o nelle scommesse , inducendolo a giustificare il fatto di partecipare maggiormente a tali attività.

Come in tutti i casi di dipendenza, è difficile per il soggetto notare da sé che ha un problema, è affetto da ludopatia e ha bisogno di aiuto . In generale, prima di cercare o accettare l’assistenza psicologica, è necessario che, nella mente del ludopata, avvenga un’esperienza talmente dannosa per cui la persona sente di aver toccato il fondo, ha un pessimo umore, e non può continuare a mantenere il proprio stile di vita.

La ludopatia è stata classificata come un disturbo del controllo degli impulsi in cui la persona che ne soffre non ha risorse sufficienti per resistere ai propri impulsi per giocare. In alcuni casi estremi la ludopatia potrebbe portare anche al suicidio.

La ludopatia è simile, per certi aspetti, alle dipendenze da sostanze chimiche o dalle droghe . Mentre un tossicodipendente cerca e desidera costantemente il consumo di una sostanza per il suo benessere e gratificazione, un giocatore d’azzardo fa lo stesso con il gioco.

Pertanto, il gioco compulsivo finisce per diventare una dipendenza comportamentale, in cui la persona deve giocare ripetutamente per soddisfare le esigenze di gratificazione del proprio cervello .

Quando un giocatore si priva del suo desiderio più prezioso, cioè del gioco, può provare sensazioni simili a quelle sperimentate da un tossicodipendente quando non può consumare la droga (l’umore è a terra, si innervosisce e compie atti inspiegabili).

Suggerimenti per aiutare una persona affetta da ludopatia

Aiutare una persona affetta da Ludopatia

Nel seguente elenco di suggerimenti esamineremo alcuni strumenti strategici per aiutare una persona affetta da ludopatia e dedita in maniera costante e irrazionale al gioco d’azzardo utile per gli amici e la famiglia di coloro che subiscono questa alterazione comportamentale legata alle dipendenze.

Vai con lui in terapia

La terapia psicologica ha buoni risultati in materia di dipendenze comportamentali e se il soggetto frequenta la compagnia di una persona interessata al suo miglioramento, il processo può essere molto più rapido ed efficace, tenendo conto che chi è affetto da ludopatia si sentirà in contesto di maggiore sicurezza sin dall’inizio.

La terapia comportamentale cognitiva è una delle terapie che dà i migliori risultati sul gioco d’azzardo patologico, che cerca di cambiare i pensieri disadattivi del soggetto e sostituirli con quelli adattativi e di fare lo stesso con i loro modelli di comportamento quando interagisce con l’ambiente che lo circonda.

D’altra parte, anche il passaggio precedente per convincere la persona di cui ha bisogno per andare alle sedute di psicoterapia è molto importante; per questo, è necessario raccomandare e segnalare i vantaggi dell’assistenza da parte di un professionista . Se una persona affetta da ludopatia non va dallo psicologo, le possibilità di guarigione sono minime.

Sii consapevole che ha un problema

Un altro dei primi passi per essere in grado di fornire aiuto a coloro che hanno una dipendenza da gioco d’azzardo è capire che la persona ha un problema e che quando agiscono non lo fanno con razionalità, specialmente quando si tratta di attività che coinvolgono gioco d’azzardo, scommesse e gestione dei soldi.

La comprensione sarà importante per metterci nei panni di quella persona e sentire empaticamente la sua frustrazione, senza dare giudizi di valore che lo faranno solo sentire peggio di quanto probabilmente già sente soprattutto a causa della sua mancanza di controllo sulla vita influendo negativamente sul suo umore.

Dobbiamo essere consapevoli che la ludopatia, nei casi più estremi, se non presa in seria considerazione, potrebbe portare il soggetto anche a commettere atti estremi ultimo dei quali il suicidio.

Poni domande senza giudizio

Un buon modo per aiutare il soggetto a sfogarsi è fargli domande sui suoi sentimenti e sulla sua situazione riguardo al gioco , ma senza farlo sentire una persona cattiva o irresponsabile. L’idea è che lui stesso possa capire che ricevere aiuto potrebbe migliorare la sua qualità di vita.

Inoltre, chiedere ci aiuterà a ottenere informazioni dettagliate sui motivi personali per cui il soggetto cerca rifugio nel gioco d’azzardo o nelle scommesse. È importante sapere che non tutti i giocatori d’azzardo vivono la propria dipendenza allo stesso modo.

Crea una relazione diretta tra il gioco ed i suoi problemi

Come abbiamo letto prima, è difficile per una persona affetta da ludopatia essere razionale e mettere in relazione il suo comportamento con i problemi che presenta in altre aree della sua vita. Ciò che dobbiamo fare è fornire esempi chiari e quotidiani in cui il gioco è il principale responsabile delle sue difficoltà e del suo disagio o problema finanziario.

Un esempio concreto potrebbe essere quello di citare aneddoti di momenti che per lui sono stati spiacevoli e in cui il suo comportamento da ludopata è stato la causa dei suoi mali, facendogli vedere che se inizia a evitare il gioco d’azzardo, i suoi problemi inizieranno a diminuire nella stessa misura ed in un tempo molto breve.

È importante sottolineare quest’ultimo aspetto: superare la dipendenza deve essere basato su motivazioni concrete e facili da riconoscere subito dopo aver abbracciato uno stile di vita più sano e più adattivo.

Parlagli della sua dipendenza e fornisci maggiori dettagli su cosa gli sta succedendo

Più informazioni ha una persona su ciò che gli sta succedendo, più è probabile che scelga di mettere da parte ciò che la ferisce. È importante fornire queste informazioni in modo adeguato, senza che il soggetto si senta come un paziente che viene curato.

Ciò che cerchiamo è di far comprendere alla persona affetta da ludopatia, gli aspetti più fondamentali della sua dipendenza, in modo che possa capire più chiaramente il perché alcuni dei suoi comportamenti e avere la volontà di cercare le soluzioni ai problemi.

Nel caso in cui il gioco d’azzardo patologico insorga insieme ad altre dipendenze , fatto alquanto molto comune, è anche necessario informare sugli effetti avversi di eventuali seconde dipendenze e offrire possibili suggerimenti contattando professionisti adeguati come psicologi o psichiatri.

Aiutalo a trovare nuovi interessi

Ciò comporta la modifica dell’attenzione del soggetto, in modo che non si accorga che il suo unico obiettivo sia lasciare il gioco in modo forzato o necessario, ma che si motivi a raggiungere nuove cose, in modo che possa sentirsi gratificato senza dover giocare d’azzardo costantemente .

Ad esempio, aiutalo a trovare nuovi hobby che non coinvolgono il gioco d’azzardo, come la lettura o il cinema, tra gli altri. Possiamo anche scoprire se la persona è interessata a seguire corsi o altri studi e incoraggiarli a farlo.