Se sei una donna incinta e ti stai chiedendo se è sicuro fare tatuaggi in gravidanza, questo articolo fa per te! Chiariremo tutti i tuoi dubbi, il periodo migliore per fare un tatuaggio, le precauzioni da prendere, eventuali rischi, ecc.

Posso farmi un tatuaggio in gravidanza?

In linea di principio, non c’è nessun problema a impedirvi di farlo. Si consiglia di non tatuarsi nel primo trimestre, perché queste sono le settimane più critiche per lo sviluppo del feto e bisogna fare particolare attenzione con farmaci e medicinali.

Ma è una misura “forense”, perché l’inchiostro rimane sulla pelle e al massimo passa all’epidermide, ma non entra mai nel sangue e quindi non può contaminare il feto.

Ci sono precauzioni da prendere?

In generale questi sono i requisiti per un centro tatuaggi, ma valgono sempre, non solo nel caso di tatuaggi in gravidanza.

  • Il professionista è autorizzato e la struttura è registrata per effettuare i tatuaggi. Non fatevi fare tatuaggi da amici e conoscenti in una struttura non autorizzata.
  • Devono utilizzare guanti monouso.
  • Devono avere un’unità per la sterilizzazione delle apparecchiature.
  • I pavimenti, le superfici e i locali devono essere puliti.
  • Tutti gli aghi utilizzati devono essere nuovi e monouso, poiché il rischio di epatite B o di infezione può essere molto alto se le condizioni non sono corrette.
  • L’inchiostro utilizzato per il tatuaggio dev’essere in confezione sterile.
  • I tamponi di garza devono essere confezionati.
Tatuaggio in gravidanza

I tatuaggi possono portare problemi durante il parto?

Si è parlato molto di incompatibilità di schiena e di tatuaggio lombare. Un’anestesista non sarà in grado di somministrare alla madre un’epidurale durante il parto se la parte inferiore della schiena è completamente tatuata. Ma questo è molto improbabile: c’è sempre un’area, anche se molto piccola, che è pulita (senza pigmento del tatuaggio) e che il medico specialista può perforare per accedere allo spazio epidurale. Non interferisce nemmeno con il resto del lavoro. Se è un tatuaggio con molto pigmento che ricopre completamente l’area lombare, l’epidurale diventa impossibile da fare e quindi è sempre meglio non avere tatuaggi in quella zona se si intende avere bambini.

E il post-partum e l’allattamento al seno?

Come abbiamo spiegato, l’inchiostro del tatuaggio rimane sulla pelle, quindi non passa neanche attraverso il latte materno ed è sicuro per il bambino.

Le regole di base dell’asepsi (ambiente sterilizzato) sono ancora le uniche precauzioni da prendere se si desidera avere un tatuaggio dopo essere diventati madre.

Quello che si dovrebbe considerare è l’aspetto estetico, soprattutto se il tatuaggio è sull’addome.

La gravidanza provoca smagliature, rotture di collagene nella pelle, che è molto più distesa a causa dell’aumento della pancia per accogliere il bambino. Questo implica che la pancia può richiedere un certo tempo per tornare al suo aspetto precedente, a seconda della morfologia della donna e delle gravidanze precedenti: se sei già stata madre o hai avuto due gemelli, lo stiramento sarà maggiore e il disegno del tatuaggio potrebbe non essere buono come prima della gravidanza.

Molti tatuatori professionisti preferiscono non tatuare clienti in gravidanza per evitare rischi. Inoltre, lo stress di cui soffrono alcune donne incinte può essere aumentato dalla situazione di un tatuaggio, che a volte può causare nascite premature.

Quindi, se state cercando un bambino ma non vi siete ancora fatti un tatuaggio, perché rischiare? È meglio aspettare a riprendersi dopo il parto, quando si è già recuperata la silhouette precedente o si sa già quale sarà il proprio aspetto finale, e si può decidere dove decorare la propria pelle. Perché un tatuaggio è per la vita, il laser per eliminarlo costa molto ed è anche doloroso, in alcuni casi rimane comunque il segno, quindi è sempre meglio pensarci bene prima di farsi un tatuaggio.