Le voglie dolci ti perseguiteranno durante tutte le fasi della gravidanza, quindi è molto probabile che i gelati facciano parte degli alimenti che desideri maggiormente! Non è un grosso problema, ti diremo quando è consigliabile mangiare un gelato in gravidanza, e a cosa prestare attenzione.

Sappiamo tutti che dovresti prendere nota degli alimenti proibiti della gravidanza e prenderti cura della tua dieta per evitare ogni tipo di complicazione.

Negli ultimi anni soprattutto, ci sono state numerose discussioni, anche in ambito medico, sulla sicurezza di questo tipo di dessert. È sicuro mangiare il gelato durante la gravidanza o contiene batteri pericolosi per la salute?

Quali gelati posso mangiare in gravidanza

In realtà ci sono alcuni gelati di cui preoccuparsi, come quelli alla crema e quelli “morbidi”. Dovresti assicurarti che se stai mangiando un gelato che contiene crema pasticcera, non siano state utilizzate uova crude nella preparazione, poiché esse potrebbero trasportare il virus della salmonellosi. La crema pasticcera all’uovo cotta, tuttavia, è altrettanto buona e deliziosa e ti risolve molti problemi.

Se è presente latte non pastorizzato nel gelato, dovresti sapere che le basse temperature, non eliminano i batteri che causano la listeria e quindi il tuo bambino è a rischio. Informati approfonditamente su tutti i problemi causati dalla listeria (detta anche listeriosi) durante la gravidanza e su quali i sintomi più comuni della salmonella che potrebbero colpire te ed il tuo bambino.

Quali sono i rischi

La listeria non è da prendere sotto gamba. Sebbene non sia generalmente considerata pericolosa per la maggior parte della popolazione, può avere un impatto devastante sullo sviluppo fetale.

La salmonellosi comporta un rischio simile: è un batterio che non solo può causare un grave disagio gastrico, disidratazione ma persino la morte nelle donne incinta, così come un aborto spontaneo o difetti alla nascita del bambino.

Se sei una mamma incinta che cucina e ti piace preparare i tuoi gelati fatti in casa, ricorda che dovresti sempre includere le uova pastorizzate nella tua ricetta per creare un gelato cremoso oppure optare per una ricetta di gelato senza uova.

Quando posso mangiare un gelato in gravidanza

Se ti stai chiedendo in quale settimana posso prendere il gelato in gravidanza, sappi che puoi farlo durante le tutte e 40 le settimane, tuttavia, devi fare attenzione a quale gelato consumi e recarti in una gelateria affidabile, in grado di assicurarti che sia le uova che il latte sono state pastorizzate

L’alternativa è quella di prepararlo tu stessa in casa seguendo le linee guida indicate dal nostro articolo.

In ogni caso dovresti essere più cauta nel primo periodo di gravidanza, approssimativamente tra la 4° e la 14° settimana, poiché è il trimestre in cui si sviluppano le sue funzioni principali e vitali del bambino.

Gli ingredienti dei gelati

Ingredienti gelato incinta

Parlando di ingredienti potrai consumare anche gelati al cioccolato, vaniglia o limone (e lime), ma evita di esagerare con tali ingredienti, perché potresti aumentare velocemente di peso e le possibilità di avere il diabete gestazionale sono maggiori. Una buona idea, quando sei incinta, è quella di optare per gelati e frutta che non contengono latte o uova.

In ogni caso ti consigliamo di consultare sempre prima il tuo ginecologo o uno specialista nutrizionale che ti saprà fornire le migliori indicazioni per evitare gli alimenti meno raccomandati durante la gravidanza.

E nel caso dei ghiaccioli in gravidanza?

Anche in questo caso ti suggeriamo di porre particolare attenzione agli ingredienti (anche se vi sono meno rischi rispetto a un gelato per il fatto che sono privi di latte e panna. I ghiaccioli sono composti principalmente da acqua ma contengono spesso coloranti, addensanti e conservanti.

Alcuni di questi ingredienti potrebbero creare qualche problema al bambino soprattutto nelle prime settimane come ti abbiamo indicato prime (fino al terzo mese), anche in questo caso, quando sei incinta, dovresti consultare il tuo ginecologo.