È naturale sentirsi in balia delle emozioni durante la gravidanza. Ma se ti senti triste più di quanto ti senti felice potresti soffrire di depressione prenatale. E’ una situazione comune e piuttosto diffusa ma non va sottovalutata.

Cos’è e perché si soffre di depressione in gravidanza?

Se durante la gravidanza un senso di oppressione, di paura e di tristezza non ti da tregua per settimane o mesi potrebbe davvero essere depressione prenatale. Questa condizione può variare da lieve a molto grave e può colpire le future mamme in diversi modi e in diversi momenti. Molte donne ne vengono colpite in un momento ancora più delicato ovvero dopo il parto (depressione postnatale). La gravidanza è un’esperienza faticosa e molto intensa dal punto di vista emotivo e talvolta può essere difficile sapere se le tue paure o le tue emozioni negative sono gestibili, passeggere  o un segno di qualcosa di più serio. 

Gli ormoni della gravidanza giocano un ruolo fondamentale sotto molteplici aspetti e possono influenzare le tue emozioni, potresti anche avere difficoltà a dormire e potresti sentirti male. Può essere del tutto normale sentirsi un pò giù di tono ma ricorda che sei il miglior giudice di te stessa e saprai capire se la situazione richiede ulteriori approfondimenti e puoi  sempre contare sui consigli del tuo medico di famiglia o del tuo ginecologo. Se i sintomi riconducibili alla depressione durano più di due settimane non esitare: rivolgiti al medico.

Ricorda che la depressione riguarda la tua salute mentale e non è in alcun un segno di debolezza chiedere aiuto. Non è qualcosa che andrà via da solo con il tempo o da cui dovresti semplicemente “uscire”. Non ascoltare chi minimizza colpevolizzandoti o  invitandoti  a farti forza da sola. Oggi la depressione può essere curata e il medico saprà orientarti e fornirti indicazioni chiare e sostegno.

Quali sono i sintomi della depressione in gravidanza?

La gravidanza dovrebbe essere un momento così felice! Ma perché non parliamo di salute mentale nelle donne in gravidanza poichè sappiamo che in realtà può essere una storia molto diversa.” Questa testimonianza rappresenta lo stato dell’arte: un universo di aspettative e luoghi comuni dove la tristezza non è contemplata. Diventa difficile per una futura mamma non sentire il peso del senso di colpa se qualcosa non rientra in un quadretto idilliaco. E invece è una condizione comune, piuttosto diffusa, per il quale non ha alcun senso colpevolizzarsi. Ma quali sono i campanelli d’allarme? Quali sono i sintomi di una depressione? Impariamo a riconoscerli per stroncarla sul nascere.

I segni tipici di depressione sono:

– sentirsi giù di morale per la maggior parte del tempo e avvertire un senso stanchezza eccessiva;

– ogni cosa, anche le più abituali, diventa un dramma;

– non riuscire a prendere decisioni;

– non riuscire a concentrarsi;

– non riuscire a godersi la vita;

– aver sempre voglia di piangere;

– sentirsi irritabile e non voler stare con altre persone;

– sentirsi irrequieti e agitati;

– perdere la fiducia in se stessi;

– sentirsi inutili;

– sentirsi in colpa;

– pensa a farsi del male o pensare addirittura al suicidio.

Potresti non avere tutti questi sintomi perché  possono cominciare a manifestarsi gradualmente oppure potresti improvvisamente iniziare a sentirti molto giù. Se senti di volerti fare del male o pensi spesso di voler morire, è importantissimo dirlo subito a qualcuno. Non devi perdere tempo! Parlane subito con un membro della tua famiglia, un amico, il tuo medico di famiglia o il tuo ginecologo. Non sei sola! E, come ormai avrai capito, non sei la sola ad attraversare questo tipo difficoltà. Per esempio potresti riconoscerti in testimonianze di questo tipo “Non stavo dormendo bene e mi svegliavo ogni giorno con quell’orribile sensazione di sventura come se qualcosa di terribile stesse per accadere. Piango per la caduta di un cappello e su cose che normalmente non mi fanno piangere.”

Cosa causa la depressione?

Potresti avere maggiori probabilità di avere la depressione prenatale se:

– hai già avuto la depressione prima;

– hai sofferto di ansia;

– hai appena affrontato un evento per te molto doloroso come un tutto o un divorzio;

– non hai il supporto di familiari o amici;

– stai affrontando gravidanza non pianificata;

– ha subito abusi o violenze domestiche.

Ma chiunque può essere colpito la depressione in gravidanza, anche se non ha esperienza di nulla che sia in questo elenco. Può accadere all’improvviso e colpisce le donne di ogni ceto sociale.

Cosa dovrei fare?

Parlarne. Subito! Parla con il tuo medico, come dicevamo,  in famiglia e con le tue amiche (magari hanno avuto la spessa esperienza).  Alcune donne arrivano a sentirsi angosciate e colpevoli, come se stare male fosse qualcosa del quale vergognarsi. Si chiedono come possano sentirsi giù in un momento nel quale tutti si aspettano che tu sia più che felice. Ricorda invece che nessuno ti giudicherà, specialmente il personale sanitario. Sanno bene che la depressione è una condizione di salute mentale. Non è colpa tua, o qualcosa che devi solo “superare” o attraversare. Si concentreranno sull’aiutarti a trovare il giusto trattamento e a fornirti un supporto adeguato in modo che tu possa prenderti cura di te stessa e del tuo bambino.

Se trovi difficile parlare dei tuoi pensieri e dei tuoi sentimenti, prova a scriverlo! Potresti scrivere prima cosa vorresti dire in modo da affrontare la cosa in modo più soft. L’importante è farlo sapere a qualcuno in modo da poter ottenere il giusto aiuto il prima possibile. Come dicevamo è importante comunicare al proprio medico se hai già avuto episodi di depressione in passato perché potresti avere maggiori probabilità di esserne colpita nuovamente, durante la tua gravidanza o subito dopo il parto. L’idea è di prevenire con un adeguato supporto affinché si riducano le probabilità che tu possa soffrirne di nuovo.

Qual è il trattamento per la depressione?

Il trattamento per la depressione di solito comporta una combinazione di psico terapia e determinati farmaci. Ognuno è diverso, quindi i trattamenti che possono funzionare per alcune persone potrebbero non funzionare per gli altri. Il tuo medico ti aiuterà a decidere cosa è meglio per te. Probabilmente verrai indirizzata verso uno psicoterapeuta e sarai monitorata molto più attentamente durante e dopo la gravidanza.

Forse ti stai domandando come posso aiutare me stessa?

La depressione è un nemico insidioso e può farti sentire senza speranza, può farti sentire il desiderio di abbandonare tutto, di scomparire dal mondo e potresti addirittura sentirti come se non volessi più fare nulla in assoluto. Invece è fondamentale assicurarti di continuare prenderti cura di te stessa, come hai sempre fatto. Inizia con piccole attività, prendi le cose al giusto ritmo, il tuo e, soprattutto, chiedi aiuto se ne hai bisogno. Ecco alcune idee su cosa puoi fare:

– Continua a prenderti cura di te stessa;

Prenditi cura anche del tuo benessere emotivo facendo le cose che più ti piacciono;

– non isolarti;

– dedicati ad una moderata attività fisica poiché mantenersi attivi fa si che il corpo rilasci endorfine che sono la chiave del benessere;

– mangia in modo sano;

– evita alcool e fumo;

– cerca di informarti sugli stati emotivi che potresti affrontare dopo la nascita in modo da essere preparata.