img
Home / Psiche / Ricerche / Come si empatizza? Uno studio conferma qualcosa che non tutti sanno

Come si empatizza? Uno studio conferma qualcosa che non tutti sanno

/
/
/

Come si empatizza? Le persone hanno idee sostanzialmente sbagliate su come si comprendano i pensieri degli altri.

La maggior parte degli interpellati nel corso di uno studio sociale pubblicato sulla rivista scientifica Psychological Science ritiene che osservare le espressioni facciali ed il linguaggio del corpo di un interlocutore sia un metodo infallibile. Sembra non sia così.

Gli autori dello studio svolto in collaborazione tra le università di Shanghai e Chicago, i dottori Haotian Zhou e Nicholas Epley, lo confermano.

” non è guardando l’interlocutore che si comprende una sua reazione, ma trovarsi (o calarsi anche fittiziamente) in una situazione simile alla sua “.

Questo modello “imitativo” emerge chiaro dai risultati di un test a largo spettro che ha verificato la capacità di leggere gli stati d’animo dei soggetti esaminati.

Tra le prove somministrate anche quella, sorprendente, di “leggere” dopo un mese la propria stessa emozione basandosi su una serie di immagini contestualizzate: alcune del solo volto, altre a figura intera, altre nella cornice completa di una situazione.

La più sorprendente scoperta è stata proprio quella di constatare che le persone commettono nel leggere sé stesse gli stessi errori che commettono nel leggere gli altri.

Per la precisione, sopravvalutano enormemente le informazioni che possono giungere dall’espressione facciale, e sottovalutano l’accuratezza di risposta che otterrebbero mettendosi mentalmente nelle stesse condizioni di chi hanno di fronte. E’ un bel messaggio, se ci pensate: molto solidaristico.

Gli autori dello studio concludono: “solo comprendendo come si empatizza e perchè le nostre percezioni ci portano fuori strada riusciremo a renderci conto di come ascoltarci l’un l’altro nel modo corretto”.

Lo studio completo: http://journals.sagepub.com/doi/10.1177/0956797616687124

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text