img
Home / Psiche / Inside Out: la psicologia si insegna al cinema

Inside Out: la psicologia si insegna al cinema

/
/
/

Può il cinema insegnare la psicologia e la psicoeducazione sulle emozioni? La risposta è sì, in quanto il progetto Inside Out della Pixar Animation Studio si rivela essere un esperimento interessante quanto utile per convertire il cinema in un vero e proprio laboratorio, utile per insegnare in modo simpatico come le azioni guidano i gesti di ogni giorno.

La psicoeducazione si propone come una prospettiva di educazione valutata positivamente nelle scuole e nell’ambiente familiare, in quanto si tratta di un modo di educare i piccoli sul comportamento legato alla vita di ogni giorno, il quale può favorire il corretto sviluppo dei bambini associato all’apprendimento scolastico. Ecco quindi sbarcare in Italia un prodotto cinematografico targato Disney, che si propone denso di questi concetti e utile alla formazione dei piccoli.

Protagoniste indiscusse di Inside Out, sono le cinque emozioni primarie, ovvero la gioia, la paura, la rabbia, la tristezza e il disgusto. Le sensazioni vengono personificate con simpatici personaggi, i quali vivono nel cervello della giovane protagonista Riley e delle persone che vivono nel suo mondo, guidando le interazioni sociali di tutti i protagonisti della storia. Si tratta di un approccio completamente diverso, perché nel film viene spiegato al pubblico come le emozioni possono guidare le azioni di ogni giorno, e quindi indurre gli esseri umani a compiere certe scelte nella loro quotidianità.

Il film si propone ricco di psicoeducazione, perché il mancato riconoscimento dei legami che sussistono fra emozioni e azioni è spesso disconosciuto dalle persone, quindi educare i piccoli, ma anche il pubblico adulto, a riconoscere questi segnali può rivelarsi molto utile ai fini dello sviluppo e della crescita interiore.

Il nuovo movie della Pixar insegna quindi a conoscere le emozioni attraverso personaggi semplici ma che rendono perfettamente il senso delle emozioni che incarnano e gli stati d’animo dei quali sono protagonisti. La storia si rivela divertente e mai banale, e aiuta a focalizzare passo dopo passo le diverse emozioni e a riconoscerle con semplicità, in un percorso psicoeducativo molto interessante e sicuramente benefico per la crescita dei più piccoli.

Inside Out si propone quindi come un piccolo esperimento, che non mancherà di creare un approccio psicologico diverso negli spettatori. Lo scopo della pellicola è quello di intrattenere, ma offrire la conoscenza dei legami che intercorrono fra azioni ed emozioni non è da tutti, soprattutto se l’approccio è quello semplice dei cartoon e del loro mondo ricco di fantasia e di incanto.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text