img
Home / Psiche / Psiche e Tecnologia / Nuova legge sul cyberbullismo. Come difendersi dai bulli?

Nuova legge sul cyberbullismo. Come difendersi dai bulli?

/
/
/

Dopo il caso di Tiziana Cantone e del suo suicidio, tutti gli occhi sono puntati sul web e sui cyberbulli, su coloro che passano il tempo insultando gli altri sulla rete e mettendoli alla gogna mediatica.

Un testo di legge è stato approvato qualche giorno fa dal nostro Parlamento. Definiamo innanzi tutto la parola: con ‘bullismo’ in generale si intendono una forma di aggressione o molestia ripetuta sotto forma di violenze e vessazioni sia fisiche che psicologiche e che ha come vittima una persona spesso incapace di difendersi. Spesso la vittima si colpevolizza e ha intenzione di suicidarsi.

Qualsiasi vittima di cyberbullismo – o un genitore se si tratta di minorenni – può rivolgersi al titolare del trattamento dei dati o al gestore del sito Internet o del social media richiedendo di oscurare, bloccare o rimuovere gli eventuali contenuti diffusi in rete. Ci si può rivolgere, in ultima istanza, al Garante della Privacy, il quale interviene entro le successive 48 ore.

La nuova proposta di legge intende inoltre dotare ogni istituto scolastico di un professore che farà da referente; per l’autore del bullismo sono previste sanzioni e percorsi rieducativi. Ma il bullismo non si ferma solo alla scuola, purtroppo.

È previsto anche il rafforzamento dell’aggravante per gli atti persecutori di cyberbullismo; per lo stalker informatico è prevista la reclusione da uno a 6 anni, pena che sarà analoga se il reato commesso coinvolge lo scambio di identità, la divulgazione di dati sensibili, la diffusione di registrazioni di fatti di violenza o di minaccia.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text