img
Home / Psiche / Psiche e Tecnologia / Come i media possono cambiare la percezione del corpo

Come i media possono cambiare la percezione del corpo

/
/
/

Il concetto di bellezza sta diventando sempre più mutevole, perché mutevoli e veloci sono le imposizioni dei media, che alla base di proposte considerate ‘in’ oppure ‘out’ nascondono spesso vantaggi dalla pura natura economica. I cambiamenti nella percezione della bellezza sono un tema molto interessante e uno studio dell’Università di Birmingham ha cercato di approfondirlo analizzando le variazioni che si sono accavallate nel corso del tempo.

Le richieste di beauty routine sono in continuo aumento e interessano le donne e gli uomini, quindi è diventato normale svolgere delle pratiche che un tempo venivano considerate rare o appannaggio di alcune classi sociali. Un esempio semplice può essere ricercato nella pratica di dipingere le unghie, di applicare le ciglia finte e di sottoporsi a trattamenti più importanti e profondi quali ad esempio la liposuzione.

Questi trattamenti vengono al giorno d’oggi considerati come una vera e propria routine, ma la causa della normalità associata deve essere ricercata secondo gli studiosi nella forza di veicolare i messaggi dei media, dei canali social e soprattutto dei selfie in tempi recenti.

Questi mezzi tendono spesso a distorcere gli ideali di immagine normali e a fornire un’immagine in linea con le richieste dei gruppi commerciali. È il momento dello smalto giallo? Se qualche anno fa si trattava di una scelta impensabile, ora può diventare una routine di bellezza normale. La mutazione delle pratiche di bellezza merita quindi di essere compresa nella sua natura e relazionata all’avvento massivo dei media nel presente, ma soprattutto nella proposta di modelli inarrivabili e che incitano alla ricerca di corpi magri o ritoccati dalle sapienti mani di chirurghi estetici.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text