img
Home / Psicopatologie / Diagnosticata la prima dipendenza da Google Glass

Diagnosticata la prima dipendenza da Google Glass

/
/
/

Dopo droghe di ogni tipo, alcolici, giochi on line e shopping, arriva la dipendenza da Google Glass, diagnosticata per la prima volta qualche tempo fa ad un marinaio americano colpito da disturbi dell’umore. Il medico curante del 31enne stava cercando di curare il suo paziente per abuso di alcol, quando si è accorto che egli continuava a toccarsi insistentemente la tempia per accendere le funzioni degli occhiali ‘del futuro’. Il marinaio aveva dato vita ad un uso intensivo degli occhiali, indossandoli per ben 18 ore al giorno senza mai toglierli.

Il caso è stato esaminato da un’equipe di ricercatori, condotti dalla dottoressa Kathryn Yung e i risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Addictive Behaviours. La ricerca ha evidenziato che molti sono i fattori da considerare in questo caso, in quanto stiamo parlando di un soggetto che ha presentato nel passato disturbi dell’umore e presentava una chiara dipendenza da bevande alcoliche. Il quadro clinico deve quindi essere inteso come problematico, e difficile da analizzare.

Il paziente è stato, in ogni caso, messo in isolamento per 35 giorni, durante i quali non ha potuto accedere ai Google Glass. Secondo le sue parole, è stato più facile guarire dalla dipendenza da alcol che da Google Glass, in quanto la sua realtà e i suoi sogni apparivano filtrati da una lente immaginaria. Dopo la terapia il marinaio ha recuperato in modo abbastanza positivo le sue facoltà cognitive e aumentato la sua resa nel campo della memoria. Alla luce dei fatti, gli studiosi si sono quindi trovati concordi nell’affermare che si è trattato del primo, conosciuto, episodio di dipendenza da Google Glass.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text