img
Home / Psiche / Quando mangiare sano può diventare una trappola psicologica

Quando mangiare sano può diventare una trappola psicologica

/
/
/

Molte persone associano al cibo sano la possibilità di consumarlo in quantità maggiori. Si tratta di un’associazione che sulla carta non fa una piega, ma che nella realtà può dare il via a disturbi alimentari e anche a patologie gravi come il diabete e l’obesità.

La questione si propone molto discussa, quindi un gruppo di ricerca dell’Università del Texas ha realizzato una ricerca alla quale ha fatto seguito una pubblicazione apparsa sulle pagine della rivista Journal of Association for Consumer Research. La ricerca ha confermato il sospetto che le persone che mangiano cibo sano tendono a consumarne grandi quantità, mosse dalla convinzione che si tratti di alimenti benefici per la loro salute e per il loro benessere.

Lo studio si è diviso in tre fasi, dove il primo si è proposto di analizzare il concetto di ‘sano e abbondante’ ed è stato attuato su un bacino di 50 studenti impiegando il consolidato metodo dell’associazione implicita. Gli studenti che hanno partecipato alla ricerca sono stati analizzati dal punto di vista del legame che intercorre fra l’individuo e le sue rappresentazioni mentali. La seconda ricerca ha coinvolto 40 studenti e si è occupata di valutare il concetto di sazietà dopo avere consumato uno snack considerato sano o non sano. Il terzo studio si è infine occupato di misurare la quantità di cibo sano oppure no, ordinato prima di vedere un film e la quantità effettivamente consumata durante la proiezione.

Ebbene, i tre studi hanno portato alla conclusione che i consumatori associano il cibo sano ad un minore senso di sazietà e questa sensazione li spinge a volerne consumarne quantità maggiori rispetto ai cibi che non vengono considerati salutari. La psicologia può quindi giocare un ruolo fondamentale sotto questo aspetto, soprattutto in caso di presenza di etichette che inneggiano alla salubrità del prodotto. La falsa percezione potrebbe infatti portare all’aumento delle calorie immesse durante i pasti o gli snack, con conseguenti problemi dal punto di vista nutrizionale e della salute in generale.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text