Home / Psiche / Genitori e Figli / Adozione e attaccamento: i vissuti psicologici

Adozione e attaccamento: i vissuti psicologici

/
/
/

Certamente la questione relativa all’attaccamento rappresenta uno degli aspetti più spinosi del percorso adottivo. “Si legherà a noi?”, “E’ possibile costruire la relazione di attaccamento?” Domande ricorrenti nei genitori adottivi.

Prima di provare a dare una risposta a tali domande, è bene definire il concetto stesso di attaccamento: si tratta di un meccanismo innato, specifico della relazione adulto-bambino, connesso con il mantenimento della protezione e della sicurezza.

E’ importante che i genitori adottivi siano coscienti del fatto che tutti i bambini, anche quelli  più piccoli, hanno sviluppato fin dalla nascita dei legami che influiscono sulla costruzione dell’immagine di sé e sul comportamento e che, inoltre, la rottura di tali legami potrà avere un peso specifico sui futuri rapporti con le figure di attaccamento. Bisogna anche tener presente il fatto che il bambino possa aver sviluppato diverse tipologie di attaccamento, come nel caso di bambini che sono stati troppo poco tempo con una figura determinando così un attaccamento inadeguato o bambini in cui il legame di attaccamento è stato distrutto da abusi e violenze, o possa invece non aver sviluppato alcun legame di attaccamento.

L’attaccamento è un processo nel quale anche i genitori si legano emotivamente ai figli, e ciò lo caratterizza come un processo bidirezionale. La formazione del legame affettivo è un aspetto fondamentale insito tanto nelle famiglie naturali quanto in quelle adottive. Anche in quest’ultime, dunque, si forma il legame di attaccamento e non è detto che questo non sia forte ed efficace.

 

Come favorire lo sviluppo del legame affettivo nel bambino adottato:

  •  Aiutarlo a sviluppare un linguaggio affettivo;
  • Fungere da ponte tra passato presente e futuro;
  • Favorire lo sviluppo delle sue potenzialità affettive;
  • Non rinnegare le sue radici e aiutarlo a costruire la sua storia.

BIBLIOGRAFIA

 

  • Galli J., Viero F. (2008), Fallimenti adottivi. Prevenzione e riparazione. Armando, Roma.
  • Chistolini M. (2010), La famiglia adottiva. Come accompagnarla e sostenerla. Franco Angeli, Milano.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text