Home / Notizie / Anno nuovo, immagine nuova: i 3 killer da neutralizzare

Anno nuovo, immagine nuova: i 3 killer da neutralizzare

/
/
/

Dai una occhiata rapida allo specchio

 Stai presentando l’immagine di una donna sicura di sé, assertiva e soddisfatta di essere quella che è? La tua immagine ADESSO riflette la persona che sei?

L’immagine non è qualcosa di definito, di statico.

Ogni fase che attraversi la tua immagine cambia.

Quando gli atteggiamenti non sono in armonia e non riflettono la tua  ’visione’ della vita, ti senti a disagio con la tua immagine

La prima cosa da fare in questo caso è fare un check up per individuare i pensieri che ti remano contro e che ammaccano la tua immagine.

I 3 KILLER-CHIAVE CHE SABOTANO LA TUA IMMAGINE

1 Le esagerazioni

Ti è mai capitato di entrare nel circolo vizioso delle parole-virus sempre/mai?

sbaglio sempre

a me va sempre male

a me non capita mai che….

Non riesco mai a dire di no e tutti ne approfittano.

non avrò mai….

mi dicono sempre che…

Sempre e mai sono parole estreme. Perché?

1tendono a dare una visione chiaramente distorta e provocatoria

2 ti negano la possibilità di poter cambiare

3ingigantiscono il negativo e zavorrano la tua immagine mettendola in ombra

4 richiamano a catena altri mai e sempre

5 mettono in moto l’effetto-domino  ‘come volevasi dimostrare’ detto anche “profezia che si auto avvera”

Come neutralizzare il killer Sempre/Mai

I 2 estremi sempre/mai sono irrazionali,illogici,esagerati

Infatti è improbabile che certe cose o certi comportamenti,risultati si verifichino proprio sempre o mai.

Non c’è niente in mezzo?

primo passo

annota e verifica quando,in che situazioni,tutti i casi in cui dici usi queste parole

secondo passo

domande virusbuster  per «attaccare» i propri pensieri irrazionali e controproducenti sono:

♣ Cosa c’è di vero in quello che penso?

♣ Questo modo di pensare mi aiuta a stare meglio?

Rimuovi  questi assoluti

Prova a sostituire sempre/mai con spesso, qualche volta…… ma posso cambiare in meglio

esempio

sbaglio sempre = qualche volta sbaglio …..ma posso cambiare in meglio

2 Le auto martellate

le martellate partono con le parole-killer avrei dovuto/avrei potuto che innescano l’effetto domino dell’autocritica in nome dello standard ‘non devo mai sbagliare’.

E’ una pretesa irrealistica essere perfette

Come neutralizzare il killer

primo passo

alza il cartellino rosso ’stop!’ e dai un taglio alle recriminazioni,alla sequenza di insulti che

indirizzi a te stessa. Se vedessi qualcuno che insulta un’altra persona non gli diresti di smetterla?Allora perché accetti questo fuoco di fila verso te stessa?

secondo passo

♦sostituisci le critiche con una frase incoraggiante o perlomeno con una critica costruttiva

ora ho capito che….quindi la prossima volta farò meglio.

♦datti il permesso di sbagliare,accetta ogni errore come una opportunità per capire e migliorare senza darti addosso ad ogni passo.’sbagliando si impara’

♦ usa l’autoironia e perdona le tue imperfezioni

♦concentrati sul quello che sia fare bene non su ciò che non sai fare,sulle tue qualità e i tratti del tuo carattere che ti piacciono

 

3 le emozioni-trappola

quante volte ti sei detta ‘Tizio, Caio o Sempronio mi tratta come…mi fa sentire una…. sono un tipo ansioso…quando mi guardo allo specchio mi deprimo…

Le emozioni e i pensieri sono strettamente legati.Chi,secondo te ha la palla in mano per scegliere cosa pensare e come sentirsi?

Tu, naturalmente!

Forse pensi che è naturale in certi momenti sentirsi giù o nutrirti di pensieri negativi quando sei pressata, stressata o ti capita qualcosa di imprevisto fra capo e collo.

La scelta è fra farsi controllare dall’umore negativo o gestire gli stati d’animo che cerano di sabotare il tuo benessere e l’immagine che hai di te.

Gli altri spesso ci mettono il loro carico da novanta con le critiche,i consigli non richiesti, le frasi poco simpatiche del tipo’ ma sei ingrassata? Ma stai bene?

Nessuno può farti cambiare umore o idea se tu non glielo permetti.

Ci sono situazioni o persone che forse possono influenzare i tuoi stati d’animo ma non possono prendere il comando dentro di te e dettare l’agenda

 Come neutralizzare il killer

Le emozioni, i pensieri e l’atteggiamento che un evento suscita dipendono dalla tua interpretazione o dalle tue convinzioni.

C’è sempre una voce interna che determina il ‘colore’ da dare all’evento e come re-agire

questione di…feeling

Molte persone confondono spesso ciò che ’sentono’ a livello emotivo con ciò che pensano

Per esempio

Mi sento un fallita

Mi sento grassa

Non mi sento apprezzata

Questi sono pensieri non emozioni.

Le emozioni sono: tristezza rabbia paura

‘ Io non mi sento apprezzata’ significa a livello emotivo sono triste o sono arrabbiata

Le emozioni sono legate ai pensieri e questi interpretano la realtà.In questo caso dire ‘ Non sono apprezzata’ vuol dire interpretare i comportamenti di qualcuno e da questi concludere che quella persona non ti apprezza.

I pensieri sono più facili da cambiare delle emozioni infatti se cambi un pensiero negativo noterai che cambia anche il tuo stato d’animo.

I tuoi stati d’animo ti appartengono. Tu li crei e tu li possiedi.

 Disinnescare la calamita

Spesso quando sei arrabbiata, triste, delusa  per una situazione o persona ecco che scatta  il cosiddetto’effetto calamita’ per fare l’en plein.

Si comincia a snocciolare ‘anche le altre volte’allungando la lista a dismisura e iniziando il rosario di lamentele per aumentare la massa critica di inquinamento mentale ed emotivo per sentirsi ancora peggio.

A questo punto non lasciarti trascinare dalla calamita.

 Alza la paletta STOP!  E cambia punto di attenzione

fai altro(esci,fai qualche esercizio fisico,metti a posto qualcosa..)

pensa ad altro ( per esempio a un momento ok,a quello che hai fatto dei positivo,alle persone che ti apprezzano e ti stimano)

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text