Home / Notizie / Anno nuovo, immagine nuova: 2 passi per cambiare

Anno nuovo, immagine nuova: 2 passi per cambiare

/
/
/

Ti sei mai trovata a guardarti allo specchio con una certa insoddisfazione?

A chiederti cosa c’è che non va, o come mai certi atteggiamenti, situazioni sono diventati insopportabili.

Reflection - Roy Lichtenstein,artista pop art

Hai la netta sensazione che qualcosa è cambiato o è da cambiare ma non sai cosa.

L’immagine che hai in mente non è quella che lo specchio riflette.

Forse sono quei 3 kili di troppo, la solita pettinatura o la paura di invecchiare?

 

Puoi cambiare il tuo modo di vederti, far spazio a nuovi modi di pensarti.

Questo cambierà di conseguenza anche il tuo atteggiamento e modificherà i tuoi comportamenti.

Occorre iniziare e far pratica proprio come se dovessi abituarti a usare uno strumento nuovo.

Capita spesso nei periodi di cambiamento o alla boa degli -anta di sentirsi in mezzo al guado fra il come eri e il come potrebbe essere la nuova te stessa: più autentica, senza quelle insicurezze che ti hanno accompagnato, meno influenzabile dagli altri, più determinata.

Alcuni file obsoleti che riguardano la tua vecchia immagine sono pronti per essere cancellati.

E’ ora di cambiare la tua immagine,di installare un nuovo software.

Nella tua immaginazione puoi creare,cambiare e cancellare qualsiasi cosa.

Primo passo: Fai un buon peeling alla tua immagine

Il peeling serve a eliminare dalla pelle tutte le cellule inaridite e inutili per rinnovare e rendere la pelle più pulita.

Occorre fare un peeling per togliere tutti quegli strati che hanno coperto la tua vera immagine, quella che sei veramente.

Ascoltati. Fidati della tua intuizione. Mettiti in contatto col tuo nocciolo e fai un ckeck up di tutte le convinzioni nelle quali hai creduto fino ad ora.

Sono proprio le tue o qualcuno ti ha fatto credere che tu sei così? c’è forse dietro la voce di tua madre, di tuo padre o forse di qualcun altro?

E’ forse stata la paura di non essere accettata per quella che sei?o il paragonarsi a…e il bisogno di non essere troppo diversa dagli altri?

 

Ogni immagine ha la sua cornice di motivazioni.

Per cambiare la tua immagine devi proprio andare alla radice di queste motivazioni, mettere a fuoco l’emozione chiave (la paura dell’abbandono, dell’isolamento, la rabbia, la delusione…) legata a ogni convinzione, togliere lo strato per far emergere il nuovo.

 

Secondo passo: proteggi la tua immagine

Contro l’attacco di virus e batteri il nostro corpo combatte se ha un sistema immunitario che funziona. Anche la tua immagine può essere attaccata dai killer dell’immagine.

 

Quali sono questi killer?

Tutto parte dentro la tua testa

1 il killer dei pensieri distorti.

Ce ne sono di vari tipi. La fantasia di ogni image-killer è varia e sa dove colpire i tuoi punti vulnerabili. I pensieri distorti partono quando permetti al killer di schiacciare il bottone ON del bla bla negativo.

I pensieri si trasformano in parole, frasi che sono delle vere botte alla tua autostima

Non riesco a…

Le mie gambe sono piene di cellulite

vorrei essere più sicura…

ricevo sempre fregature

La lista è infinita

Prova a fare attenzione alle frasi negative che ti lanci contro in una giornata qualunque,ai pensieri non ok ai quali dai spazio nella tua testa. Fuoco amico.

Se hai la pazienza di scrivere questi pensieri ogni volta che solcano la tua mente rimarrai stupita. Ti meriti questo trattamento?

 

2 la tua supermodella killer

Se hai dentro di te l’immagine della perfezione certamente ci sarà sempre qualcosa fuori posto. Forse è il tuo naso che non ti piace o le tue gambe..ma paragonate a chi?

Dove sta scritto che il nostro corpo debba essere perfetto?

La perfezione non esiste nella vita reale. Nemmeno le modelle che vanno per la maggiore sono perfette nella realtà.

L’opinione che hai del tuo corpo è realistica o sei prigioniera della tua supermodella interna? Puoi migliorare,valorizzare la tua immagine ma prima uccidi questa supermodella rompiscatole che fa di tutto per metterti alle corde facendoti notare ogni virgola fuori posto.

Ogni volta che ti concentri sui tuoi difetti come se avessi un laser in mano non fai che aumentare l’ansia e la tua insicurezza di non essere all’altezza.

 

3 il killer dei paragoni

Uno dei killer più pestifero perché si nutre di modelli impossibili,li digerisce e te li propone con un sorrisetto crudele perché sa benissimo che non esistono. Questi modelli vengono dalla TV, dai giornali ma non solo…

Il Mister prende anche spunto intorno a te persone che hanno quello che tu non hai giusto per darti una bella botta se glielo permetti.

Se hai passato i 40 ecco che ti agita davanti il modello teenager

Se hai kili di troppo ti bombarda di magre,magrissime

Se stai passando un periodo No ti piazza davanti gente alla quale tutto va sempre liscio.

Se vuoi che gli altri ti trovino ok tu, per prima, devi sentirti OK

Ecco perché è importante per dare una immagine di te positiva sapere quale è e come è la tua immagine.

 

 

In pratica

1 identifica le tue frasi chiave negative e le convinzioni che influenzano il tuo umore e i tuoi comportamenti.

(sono grassa, non riesco mai a…, ho le gambe grosse…, nessuno mi capisce…tutti mi criticano….)

 

2 inizia a sfidarle e a metterle in dubbio una a una.

I metodi sono diversi. Puoi farti aiutare con qualche colloquio di counseling a trovare le tecniche che funzionano per migliorare la tua immagine interna, neutralizzare i tuoi pensieri negativi, farti valere, imparare a dire NO, credere nelle tue capacità, mantenere il tuo spazio a farlo rispettare.

 

 

3 programma il software delle tue convinzioni positive

se tu dovessi andare a vivere in un altro posto dove nessuno ti conosce quali tuoi comportamenti cambierebbero?

Inizia piano piano a far pratica proprio da quelli e lascia perdere o dai sempre meno energia a cosa dicevi prima o cosa pensavi prima.

Ho detto piano piano…prenditi tempo. E’ così che si fanno le cose, a piccoli passi.

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text