Home / Psicopatologie / Disagio Psicologico / Quando l’emozione non ha voce

Quando l’emozione non ha voce

/
/
/

Le EMOZIONI (emotions) sono fenomeni biologici innati, geneticamente programmati, mediati dai sistemi subcorticali e limbici, funzionali alla sopravvivenza della specie e basati su segnali non verbali, quali la mimica facciale, la gestualità, la postura corporea e il tono di voce.

Sono, in sostanza, la componente biologica dell’affetto.

I SENTIMENTI (feelings) sono invece fenomeni psicologici individuali molto più complessi, perchè implicano l’elaborazione cognitiva e il vissuto soggettivo mediato dalle funzioni neocorticali. tale componente psicologica dell’affetto consente di valutare la risposta emotiva a stimoli esterni ed interpersonali e di comunicare intenzionalmente le emozioni mediante la funzione linguistica verbale ed extraverbale di simbolizzazione. Essi, pertanto, dipendono dalla cultura di appartenenza, dalle esperienze infantili, dalle rappresentazioni di sè e degli altri, da ricordi, fantasie e sogni.

L’ALESSITIMIA (lett. senza parole per le emozioni) non indica individui senza emozioni, ma soggetti con un deficit della componente psicologica dell’affetto (feelings). Quindi persone che hanno emozioni espresse dalle componenti biologiche degli affetti, ma con scarsa o nessuna possibilità di ricorrere agli strumenti psicologici (immagini, pensieri, fantasie) per rappresentarle.

Il costrutto di ALESSITIMIA, comprende le seguenti caratteristiche:

1) Difficoltà ad identificare i sentimenti,

2) Difficoltà a descrivere i sentimenti,

3) Limitata capacità immaginativa,

4) Stile di pensiero orientato verso la realtà esterna.

Sebbene la difficoltà di monitorare sentimenti ed emozioni degli altri non sia compresa nella definizione del costrutto, vi sono resoconti clinici ed evidenze empiriche che indicano che individui con elevati livelli di alessitimia hanno marcate difficoltà nell’identificare emozioni dall’espressione facciale degli altri.

Altre evidenze empiriche mostrano che l’alessitimia è associata alla difficoltà di discriminare fra diversi stati emozionali, e alla limitata capacità di pensare sulle emozioni ed usarle per affrontare situazioni stressanti.

La limitata capacità di rappresentare e regolare cognitivamente le emozioni rende probabilmente gli individui alessitimici maggiormente vulnerabili verso una varietà di disturbi medici e psichiatrici.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

It is main inner container footer text