Voglio andare a vivere da solo

vivere-soli

Molti giovani scelgono di essere indipendenti dalla famiglia, per cui, raggiunta una indipendenza economica, decidono di iniziare una nuova avventura, a volte da soli, a volte in compagnia di amici, condividendo tempi, spazi e svago.

Vivere con gli amici è di solito il primo passo verso l’indipendenza. Non tutti possono permettersi una casa da soli, ma questa soluzione viene presa in considerazione da molti giovani, poiché consente loro di iniziare il processo graduale di autonomia e indipendenza dalla famiglia.

La fase dello svincolo dalla famiglia è decisiva, c’è chi si svincola dai genitori perché si sente oppresso, chi perché sente che è il momento giusto per mettersi alla prova.

Molti genitori però fanno resistenza ad accettare i figli fuori casa, a meno che non vadano via per lavoro, studio o perché si sposano.

La conquista dell’autonomia è favorita dal fatto di avere potuto attraversare una fase di buona dipendenza affettiva dai genitori, ovvero la disponibilità dei genitori ad alimentare in loro la capacità di sostenersi con le proprie forze. Così i figli hanno acquisito uno sviluppo della propria personalità e della propria autostima.

La separazione dai figli è sempre un momento doloroso, ma deve essere visto come inevitabile e ricco di valore e senso. Questa che apparentemente sembra una sofferenza, è invece un momento importante di crescita dei propri figli.

L’acquisizione dell’autonomia è un prodotto di una trasformazione della relazione con i genitori. I figli rinunciano alla dipendenza dai genitori, faranno affidamento solo su se stessi.

Il bisogno di autonomia è un’elaborazione del senso di sé come persona competente e responsabile.

 

avatar
Dott.ssa Daniela Ciccarelli, psicologa e psicoterapeuta, esperta in psicodiagnostica e psicoterapia familiare, è sessuologa clinica e mediatrice familiare. E' presidente della Cooperativa Sociale Arcobaleno. Svolge attività privata a Perugia in Via L.Dallapiccola 20. Per contatti 3392860568