EFFETTI DELL’ETA’ SULLA SESSUALITA’

anziani

L’età determina in modo significativo la componente biologica della nostra sessualità. Alcuni cambiamenti biologici associati all’età sono universali, ma le reazioni degli individui possono cambiare. Ad esempio, negli uomini, alcuni adolescenti possono reagire ai nuovi impulsi sessuali in maniera aggressiva, comportandosi da ribelli, altri, invece possono innamorarsi e avere esperienze sessuali , altri invece non riescono a domare i propri impulsi, altri ancora si deprimono rifugiandosi in modo solitario in fantasie erotiche.

Considerando, invece, i 50 anni di età, ci sono uomini che diventano sessualmente repressi, diventano irritabili, altri invece che cercano donne più giovani, cercando di ricatturare l’intensità erotica della giovinezza. E c’è chi invece è in grado di integrare adeguatamente, nella relazione di coppia, la propria sessualità alterata, diminuita ma non svanita.

L’età esercita influenze diverse sul ciclo sessuale degli uomini e delle donne. Gli uomini sperimentano il culmine della loro reattività sessuale intorno ai 17, 18 anni. Dopo questa età manifestano un declino lento ma costante. Le donne arrivano al culmine della loro sessualità alla fine dei 30 anni e all’inizio dei 40, dopodichè si avvierà un declino relativamente più lento di quello maschile. Ma questo non vuol dire che il sesso scompaia del tutto.

Gli studi di Master e Johnson hanno rivelato che l’orgasmo maschile è molto vulnerabile di fronte agli effetti dell’invecchiamento.
L’uomo ottantenne, anche se non più in grado di avere orgasmi intensi come da adolescente, può sperimentare occasionalmente l’orgasmo. L’età non ha gli stessi effetti sulle donne, le quali mantengono la loro capacità di avere reazioni orgasmiche multiple per tutta la vita, quasi sempre senza che si verifichi un periodo refrattario.

La diminuita spinta sessuale negli uomini anziani è riflessa anche nel declino dell’interesse sessuale e nei pensieri e nelle fantasie sessuali in assenza di specifica stimolazione erotica. In molti casi, dopo i 50 anni un uomo può impegnarsi nella sua carriera per settimane, senza pensare al sesso. In questo caso, l’astinenza al sesso non è pura funzione degli effetti fisici dell’età, ma piuttosto una fuga psicologica dalle sensazioni dolorose di frustrazione, ansia o depressione, che possono scaturire dalla presa di coscienza di una prestazione sessuale in declino.

L’età non rappresenta mai una barriera al piacere sessuale, l’uomo di una certa età, sicuro di sè, può ricavare piacere con la sua partner da giochi amorosi soddisfacenti e fantasiosi.

avatar
Dott.ssa Daniela Ciccarelli, psicologa e psicoterapeuta, esperta in psicodiagnostica e psicoterapia familiare, è sessuologa clinica e mediatrice familiare. Svolge attività privata a Perugia in Via L.Dallapiccola 20 ed in Via del Macello n. 4 Perugia. Per contatti 3392860568. Sito web: Psicologa Perugia