Adolescenti e sesso: solo un gioco?

jellysexbracelets_031112300w

I ragazzi, si sa, sono attraversati da mode e tendenze che raccontano i loro interessi, le loro curiosità, i loro dubbi. E gli adulti, come sempre, preoccupati le osteggiano, cercando di tenerli sotto controllo. E’ stato così per le minigonne, per l’ombelico scoperto e per i pantaloni a vita bassa. Ora è la volta dei braccialetti jelly, diffusi in America per ora, ma non credo che tarderanno ad arrivare anche in Italia.

La protesta stavolta viene da un istituto del Colorado, la Angevine Middle School a Lafayette, il cui preside Mike Medina chiede ai genitori di impedire ai figli di indossare dei nuovi braccialetti colorati che rispondono al nome di jelly. Sembra che in America questi oggetti non siano semplici corredi di abbigliamento, ma segnali erotici che i ragazzi si lanciano tra di loro e indicazioni sulla loro attività e disponibilità sessuale. Il preside non sembra contrario in generale alla modernità, visto che ha inviato a tutti i genitori una e-mail per metterli in guardia sul significato che hanno i colori dei braccialetti: essi dovrebbero indicare il livello di attività sessuale dello studente, la sua esperienza nel campo o la propria disponibilità a spingersi in un rapporto sessuale più o meno impegnativo.

La connotazione erotica di questi oggetti è legata ad un gioco diffuso sul web che prende il nome di “snap”, in cui il colore del braccialetto indica la disponibilità a prestarsi ad una particolare attività sessuale. E’ un pò “il gioco della bottiglia” in versione moderna e forse più vicina alle abitudini sessuali in evoluzione.

Il gioco

Lo snap richiede due partecipanti ovviamente, di cui almeno uno (di solito la donna) deve indossare il braccialetto. La ragazza sceglie il colore del braccialetto che rappresenta cio che è disposta a fare:

- giallo: abbraccio

- viola: bacio

- rosso: lap dance

- blu: sesso orale

- nero: rapporto completo
Il ragazzo, guardando il bracciale, si fa un’idea di quello che la ragazza è disposta a fare, quindi sceglie colei che corrisponde ai suoi “desideri”. Quindi afferra un bracciale dal polso della ragazza e lo tira cercando di romperlo velocemente. Se ci riesce, il ragazzo ha diritto ad esigere ciò che il braccialetto dichiarava.

Questa è la versione base del gioco, ma ci sono diverse varianti e tonalità di colori (se proprio siete curiosi consultate l’articolo in inglese sul sito “Urban Dictionary”).

Aldilà del gioco in sè, spaventa e colpisce sempre il desiderio dei nostri adolescenti di rendere esplicito il loro rapporto col sesso, ma se noi da bacchettoni non gliene parliamo, come possiamo pretendere che non facciano di testa loro?

Un’ultima rassicurazione ai genitori: questi braccialetti sono anche oggetti di moda e non è detto che chi li usa partecipi al gioco; non vi spaventate troppo se ne vedete uno al polso di vostra figlia.

[Usa, vietati braccialetti di gomma "E' un gioco erotico tra studenti" - Repubblica.it]

[How to Play Snap with Jelly Bracelets ]

avatar
Psicologa clinica, specializzata in Psicoterapia d’Integrazione Strutturale presso l’istituto SIPI di Napoli.

E’ responsabile del centro “H-anto a te” di San Sebastiano al Vesuvio, per l’inserimento sociale e lavorativo di persone diversamente abili e consulente presso la residenza psichiatrica Kairòs di Casoria.

Svolge l’attività privata presso le sedi del suo studio a Pozzuoli , in Via Oberdan 37/A e a Quarto (Na) in Corso Italia 111.

Per contatti: 331.5860110